ENNIO MORRICONE

     

 

 

 

wpe19.jpg (2301 byte)

wpe19.jpg (2301 byte)

     

HOME PAGE MUSICA: STORIA - BIOGRAFIE - DISCOGRAFIE - CLASSIFICHE

 
 
 

 

Allievo di Goffredo Petrassi, si diploma al Conservatorio di Santa Cecilia in tromba, composizione, strumentazione, direzione di banda e musica corale. Autore di composizione sinfoniche e da camere, di canzoni e anche arrangiatore, collabora a trasmissioni radiofoniche e a spettacoli teatrali con musiche di scena per commedie e riviste. Inoltre guida un'orchestra di musica leggera e fa parte di Nuova Consonanza, gruppo sperimentale di strumentisti dediti all'improvvisazione.
Ennio Morricone è tutto questo prima di scoprire la sua vera strada. Comincia a percorrerla nel 1961, chiamato da Luciano Salce per Il Federale. I suoi primi film sono commedie leggere e di costume. La fama però giunge con il western di
Sergio Leone (nel 1984 il binomio porta anche a C'era una volta in America). Per un pugno di dollari, nel 1964 e Il buono, il brutto e il cattivo, nel 1966: le soluzioni di Ennio Morricone sono basate sull'uso di ritmi violentissimi, di effetti d'urlo, sul ricorso alla voce umana usata come uno strumento, sull'aggressività di suoni stravaganti.
Poi altri film ambiziosi:
Prima della rivoluzione (1964) di Bernardo Bertolucci, I pugni in tasca (1965) di Marco Bellocchio, Un uomo a metà (1966) di De Seta, Un tranquillo posto di campagna (1968), Metti una sera a cena (1969) di Patroni Griffi, Teorema (1968) di Pier Paolo Pasolini. Tutte partiture basate sulla ricerca aristocratica di sottili atmosfere armoniche proprie di un musicista d'avanguardia. Altra natura hanno i commenti per film impegnati: Uccellacci e uccellini (1966) di Pasolini, La Cina è vicina (1967) di Bellocchio, Escalation (1968) di Faenza, Partner (1968) di Bertolucci, Grazie zia e Cuore di mamma (1969) di Samperi.
È il periodo di massima attività: Morricone si cimenta in
La battaglia di Algeri (1966) di Gillo Pontecorvo, Allonsanfan (1974) dei fratelli Taviani, Mussolini ultimo atto (1974) di Carlo Lizzani, Uomini e no (1980) di Orsini.
Inoltre altri film. Stranieri:
The thing (La cosa, 1982) e White dog (Cane bianco, 1982), Mission (1986), Bugsy (1991) di Barry Levinson, In the line of fire (Nel centro del mirino, 1993), Love affairs. E soprattutto The untouchables (Gli intoccabili, 1989) di Brian De Palma. Poi italiani: Gli occhiali d'oro (1987) di Giuliano Montaldo, Una pura formalità (1994) e L'uomo delle stelle (1995) di Giuseppe Tornatore.
Degli anni '80 è anche
Il ladrone (1980). Negli anni Novanta La città della gioia (1992), Pasolini un delitto italiano (1994), Ninfa plebea (1996), Sostiene Pereira (1996), Il lungo silenzio (1993), Vite strozzate (1996). Apre il Duemila vincendo il David di Donatello per la miglior musica con il film Canone inverso e quest'anno ha partecipato con 3 titoli al fil di Quentin Tarantino , Kill Bill Volume 2.

 

DISCOGRAFIA CONSIGLIATA

     
  LE MUSICHE DI ENNIO MORRICONE  
 
  1. C'ERA UNA VOLTA IL WEST
  2. Addio a Cheyenne
  3. L'uomo con l'armonica
  4. finale
  5. IL BUONO IL BRUTTO IL CATTIVO
  6. Il triello
  7. PER QUALCHE DOLLARO IN PIU'
  8. La resa dei conti
  9. PER UN PUGNO DI DOLLARI
  10. GIU' LA TESTA
 

    C'ERA UNA VOLTA IN AMERICA

    1. Ouverture
    2. Poverty
    3. Deborah's theme
    4. Childhood memories
    5. Amapola
    6. Friends
    7. Cockeye's song
    8. Amapola 2
    9. Childhood poverty

    GLI INTOCCABILI

    1. Death theme
    2. The streng of the rightcouse
    3. Al Capone