I ricercatori dicono che STEVE non è un’aurora

La American Geophysical Union (AGU) detto il 20 agosto 2018, che STEVE – un fenomeno di aurora-come cielo catturato per decenni dai fotografi amatoriali e studiato dagli scienziati dal 2016 – non è un’aurora. Secondo un team guidato da un fisico di spazio presso l’Università di Calgary in Canada, è invece qualcosa di completamente nuovo, anche se esattamente ciò che non è noto. Bea Gallardo-Lacourt, che ha guidato il nuovo studio, ha commentato:

La nostra conclusione principale è che STEVE non è un’aurora. Così adesso, sappiamo molto poco su di esso. E che è la cosa più cool, perché questo è stato conosciuto dai fotografi per decenni. Ma per gli scienziati, è completamente sconosciuto.

Peer-reviewed Geophysical Research Letters di AGU ha pubblicato il nuovo studio.

STEVE è costituito da nastri di luce viola e bianca. Fotografi amatoriali soprannomino STEVE, e gli scienziati hanno adottarono il nome quando divenne consapevole di esso nel 2016. Secondo una dichiarazione del AGU:

Quando gli scienziati hanno esaminato prima immagini di STEVE, realizzarono che le luci erano leggermente diverse da quella luce da Aurore tipiche ma non erano sicuri di quale meccanismo sottostante stava causando loro.

In [i] nuovo studio, i ricercatori hanno analizzato un evento di STEVE nel marzo 2008 per vedere se è stato prodotto in un modo simile come l’aurora, che accade quando piovono docce di particelle cariche in atmosfera superiore della terra. I risultati dello studio suggeriscono che STEVE è prodotto da un altro processo atmosferico della Aurora, rendendolo un nuovo tipo di fenomeno ottico.

Gli autori dello studio hanno concluso che STEVE è una sorta di bagliore, o incandescente luce nel cielo notturno, che è distinto da un’aurora. Joe Borovsky, un fisico di spazio presso l’Istituto di scienza dello spazio a Los Alamos, New Mexico – che non era collegato al nuovo studio – ha commentato:

Questo è davvero interessante perché non abbiamo capito e quando ottenete un nuovo problema, è sempre emozionante. È come pensi tu sai tutto, e si scopre che non.

Il sole causa aurore quando invia raffiche di particelle cariche – elettroni e protoni – sfreccia attraverso il nostro sistema solare come quello che ha chiamato il vento solare. Come la terra si muove attraverso questo flusso di particelle, campo magnetico e l’atmosfera del nostro pianeta reagire. Quando le particelle cariche dal sole colpiscono gli atomi e molecole nell’atmosfera terrestre, essi eccitare quegli atomi, causando loro alla luce fino, producendo un auora. Per saperne di più: che cosa causa l’aurora?

AGU ha detto:

Le aurore sono visibili ogni notte, se le condizioni di osservazione sono giuste, ma i nastri di luce sottili di STEVE erano solo visibili un paio di volte all’anno. La luce da STEVE è stato anche mostrando più vicino all’equatore della Aurora, che può essere visto solo alle alte latitudini.

Dopo [un primo studio, pubblicato nel marzo 2018], di cui Gallardo-Lacourt è stato co-autore, i ricercatori hanno voluti scoprire se luce di STEVE è prodotta da particelle che piovono giù nella ionosfera, come tipicamente accade con l’aurora, o da qualche altro processo. Nel nuovo studio, Gallardo-Lacourt e i suoi colleghi hanno analizzato un evento STEVE accaduto sopra il Canada orientale il 28 marzo 2008, utilizzando immagini da telecamere terrestri che registrano le aurore sopra il Nord America.

Hanno accoppiato le immagini con dati da polare orbita ambientale satellitare 17 del NOAA (POES-17), che è capitato di passare direttamente sopra le telecamere basate a terra durante l’evento di STEVE. Il satellite è dotato di uno strumento che può misurare particelle cariche di precipitazione nella ionosfera.

I risultati dello studio suggeriscono che STEVE è un fenomeno completamente nuovo distinto dal tipiche Aurore. Il satellite di POES-17 non rilevato nessun particelle cariche che piovono giù alla ionosfera durante l’evento di STEVE, che significa che probabilmente è prodotto da un meccanismo completamente diverso, secondo gli autori.

I ricercatori hanno detto che Steve è un fenomeno nuovo tipo di ottica che chiamano ‘bagliore’. Loro prossimo passo è quello di vedere se i flussi di ioni veloci e caldi elettroni nella ionosfera creano luce di STEVE, o se la luce è prodotta più in alto fino nell’atmosfera.

Per saperne di più da American Geophysical Union

Linea di fondo: STEVE – un fenomeno di aurora-come cielo catturato per decenni dai fotografi amatoriali e studiato dagli scienziati dal 2016 – non è un’aurora, secondo un nuovo studio condotto dagli scienziati.

Fonte: Nuova scienza in bella vista. Cittadini scienziati conducono alla scoperta della struttura ottica nell’alta atmosfera

Fonte: sull’origine di STEVE. Precipitazione di particelle o ionosferico cielo-bagliore?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *