Ghiaccio d’acqua “rilevata sulla superficie della luna”

Gli scienziati dicono di che avere la prova definitiva per ghiaccio d’acqua sulla superficie della luna.

I depositi di ghiaccio si trovano a entrambi i poli nord e sud e sono suscettibili di essere antico in origine.

Il risultato viene fornito da uno strumento sulla nave spaziale Chandrayaan-1 dell’India, che ha esplorato la luna tra il 2008 e 2009.

Particolari del lavoro del sono stati pubblicati sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences (PNAS).

La distribuzione dei depositi di ghiaccio è irregolare. Al polo sud lunare, la maggior parte del ghiaccio è concentrata nei crateri. Al Polo Nord, il ghiaccio d’acqua è sia più radi e più ampiamente diffuso.

Lo strumento di Moon Mineralogy Mapper (M3) a bordo Chandrayaan identificato tre firme specifiche di ghiaccio d’acqua sulla superficie lunare.

M3 non solo raccolto le proprietà riflettenti uno aspetta da ghiaccio, ma era in grado di misurare direttamente il modo distintivo sue molecole assorbono la luce a infrarossi. Ciò significava che poteva distinguere tra acqua liquida e vapore e ghiaccio solido.

Questa immagine di regione del Polo Sud della luna è stata catturata dalla sonda Kaguya del Giappone

Le temperature sulla luna possono raggiungere un bruciante 100C durante il giorno, che non fornisce le migliori condizioni per la sopravvivenza di ghiaccio superficiale.

Ma perché la luna è inclinata sul suo asse di circa 1,54 gradi, ci sono posti ai poli lunari che mai vedono la luce.

Gli scienziati stimano che le temperature nei crateri permanentemente in ombra ai poli della luna non superano i-157C (-250F). Ciò creerebbe un ambiente dove i depositi di ghiaccio d’acqua potrebbero rimanere stabili per lunghi periodi.

Il risultato supporta precedenti rilevamenti indiretti di superficie ghiaccio al Polo Sud della luna. Tuttavia, tali risultati potenzialmente potrebbero essere spiegati da altri fenomeni – come insolitamente riflettente del suolo luna.

Se c’è abbastanza seduta di ghiaccio sulla superficie – entro i primi pochi millimetri – l’acqua potrebbe essere accessibile come una risorsa per le future missioni umane sulla luna.

Potrebbe potenzialmente essere trasformato in acqua potabile per gli occupanti di una base lunare, o “dividere” in idrogeno e ossigeno per combustibile per razzi. L’ossigeno di Spalato potrebbe anche essere utilizzato dagli astronauti per la respirazione.

Superficie di ghiaccio d’acqua è stata trovata anche su altri corpi del sistema solare, come ad esempio al Polo Nord del pianeta Mercurio e il pianeta nano Cerere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *